Georgette Heyer – Il figlio del diavolo * Le mie letture

(Titolo originale “Devil’s Cub”, traduzione di Anna Luisa Zazo; originale pubblicato nel 1932; edizione italiana da me letta 2005)

Il romanzo narra le vicende del marchese Dominic Vidal, figlio del duca di Avon e Leonie, protagonisti de “La pedina scambiata”. Il termine Cub del titolo originale significa in realtà cucciolo ed è così che talvolta nel romanzo ci si riferisce al marchese.

Dominic fa onore al proprio soprannome, essendo dedito, fra le altre cose, ai duelli. Tanto per rendere l’idea del personaggio il romanzo si apre con l’uccisione da parte del marchese di un bandito che, con altri complici, ha avuto la pessima idea di assalire la carrozza su cui il nobile viaggiava. Dunque abbiamo un protagonista libertino, elegante, ricco, affascinante, abituato a seguire solo la propria volontà.

E la fanciulla di turno? È naturalmente all’opposto, se si eccettua la caratteristica di possedere anch’ella una notevole dose di volontà, tanto da scontrarsi più volte con quella di Dominic.

Le strade del marchese e di Mary (la fanciulla) si incrociano e si uniscono quando lei si sostituisce alla sorella, ragazza leggera e incosciente, per proteggerne la reputazione. A quell’incontro seguono varie avventure e scontri fra i due. Intorno alla storia principale si muovono vari altri personaggi, alcuni dei quali, come è costume della Heyer, portatori della vena più ironica, come il signor Hammond (un prete) e lord Rupert Alastair di cui il duca di Avon apprezza quasi esclusivamente l’abilità nello scegliere i vini.

Quindi anche in questo romanzo, naturalmente, il divertimento non manca.

cover GH Figlio diavolo ok

A “La pedina scambiata” si ispira il primo romanzo della saga della famiglia Roxton di Lucinda Brant, dal titolo “Nobile satiro” (ambientato tra Francia e Inghilterra nel 1740); il sesto e ultimo episodio della saga ha come protagonista e come titolo “Il figlio del satiro” (ambientato in Inghilterra nel 1780). Ho letto tutta la serie e mi è piaciuta, comunque, a parte qualcosa della trama del primo romanzo, non ci sono cose in comune, a mio parere, con gli scritti di Georgette Heyer.

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...