Georgette Heyer – Il gioco degli equivoci (Arabella) * Le mie letture

(Titolo originale “Arabella”, Traduzione di Anna Luisa Zazo originale pubblicato nel 1949; edizione italiana del 2006).

Partita alla volta di Londra, dove sarà ospite della madrina lady Bridlington, la giovane Arabella, grazie alla sua bellezza, potrà avere l’opportunità di contrarre un matrimonio vantaggioso.

cover HEYER gioco equivoci

Un incidente alla carrozza su cui viaggia insieme alla sua accompagnatrice, la signorina Blackburn, la induce a chiedere ospitalità a Robert Beaumaris, la cui residenza di caccia si trova vicino al luogo dell’incidente. Beaumaris è in compagnia dell’amico lord Fleetwood, che lo induce a invitare a cena Arabella e Miss Blackburn.

La giovane ascolta per caso il suo ospite lamentarsi con Fleetwood perché suppone che lei sia una delle tante ragazze che cercano di irretirlo per farsi sposare, dato che è ricchissimo, oltre che affascinante ed elegante. Arrabbiata per l’infondato sospetto si spaccia con i due uomini per un’ereditiera che non vuole far sapere di esserlo per non venire assediata da cacciatori di dote.

La sua bugia, detta per difendersi, si diffonde poi a Londra e Arabella si trova al centro dell’attenzione di molti gentiluomini, proprio cacciatori di dote; anche Beaumaris mostra di gradire la sua compagnia, conquistato dalla sua spontaneità e ingenuità, e giunge perfino ad ospitare un piccolo spazzacamino che lei salva da manesco padrone e un cagnetto meticcio che dei ragazzi stavano torturando.

Dunque anche in questo romanzo la Heyer gioca e ironizza sui cliché: la bugia che Arabella racconta per non essere considerata alla stregua delle signorine che vanno a caccia di Beaumaris innesca una serie di equivoci che rendono il soggiorno londinese della ragazza molto più intenso di quanto sarebbe stato se non fosse stata preceduta dalla fama di essere un’ereditiera. Così, suo malgrado, si trova costretta in quel ruolo, riuscendo a sfuggirvi solo alla fine, ovvero nel lieto fine.

Personaggi principali
Miss Arabella Tallant, figlia maggiore del Reverendo Tallant della Canonica di Heythram
Bertram Tallant, non ancora diciottenne, fratello di Arabella
Miss Blackburn, una governante che deve andare a Londra
Lady Bridlington, madrina di Arabella
lord Frederick Bridlington, figlio di lady Bridlington
Robert Beaumaris, l’Ineguagliabile, trentenne, ricchissimo gentiluomo arbitro dell’eleganza a Londra (dopo la fuga di Beau Brummell)
lord Charles Fleetwood, suo amico, nobile rovinato economicamente
Jemmy piccolo spazzacamino
Ulisse, cagnetto meticcio
Scunthorpe, amico di Bertram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...