Emily – Uno

Emily guardava fuori dalla finestra la pioggia che scendeva. Sembrava che il cielo piangesse con lei, anche se per la verità lei non stava piangendo, aveva finito le lacrime quando erano morti i suoi genitori, un anno prima. Per quanto né il padre né la madre fossero stati affettuosi erano il suo riferimento, gli adulti da cui prendere esempio che le indicavano la strada da percorrere, anche se non sempre trovava piacere nel seguire tutte le regole che le imponevano.

Rimasta sola aveva vissuto come in un limbo, ospite di Mr Davies, fratellastro della madre, che aveva conosciuto tre giorni dopo il funerale. Lo zio non l’aveva aiutata ad affrontare quel momento terribile, si era limitato a ospitarla a Sethgrave Park, la sua dimora, disinteressandosi quasi del tutto di lei. Sethgrave Park era una grande villa cadente dall’atmosfera cupa che si rischiarava un poco solo nelle ore di sole. L’umore di Emily, comunque, si intonava di più all’ombra che alla luce: la giovane non riusciva a trovare consolazione in niente e trascorreva le giornate immersa in una sorta di apatia. La solitudine, però, le aveva donato qualcosa a cui non era preparata: la libertà. Con il passare del tempo aveva cominciato ad apprezzarla e a viverla. Questo non significava che si dedicasse a chissà quali attività, l’educazione ricevuta le aveva inculcato una serie di principi a cui continuava a ispirarsi, ma poteva scegliere come trascorrere le sue giornate, quante ore dedicare alla lettura – anche se purtroppo libri a disposizione ne aveva pochi – quante a camminare all’aria aperta, incurante di quanto il sole avrebbe colorato la sua pelle.

E poi c’era stato l’incontro con i cavalli. Lo zio ne aveva due, in una stalla che un tempo ne aveva accolti senz’altro molti di più. Di loro si occupava l’anziano Timothy, che aveva funzione di stalliere ma anche di giardiniere e di uomo di fatica, in quanto la servitù di Sethgrave Park era molto ridotta; oltre a lui c’erano due donne, una governante cuoca e una cameriera tuttofare entrambe di mezza età, come il valletto di Mr Davies che gli faceva anche da segretario e che lo accompagnava quando si assentava dal ***shire.

Sulle prime Timothy l’aveva trattata con sospetto, aveva un carattere ombroso e un atteggiamento burbero, ma nel vedere come la ragazza si avvicinava ai cavalli di cui si prendeva cura e come questi le avessero dimostrato fin da subito amicizia, le aveva concesso fiducia e, lentamente, aveva stabilito un rapporto con lei, fino a insegnarle a cavalcare, un grande regalo per il quale gli era molto grata. Le due donne che lavoravano in casa, invece, le avevano riservato un’accoglienza fredda e avevano continuato a tenerla a distanza, respingendo ogni tentativo di fare amicizia, incuranti della triste situazione di Emily. La consideravano solo un peso, dato che la sua presenza aveva aumentato il loro lavoro.

Quello stato di cose era durato fino a qualche mese prima, quando aveva conosciuto William. Allora qualcosa era cambiato. William Marshall, di cinque anni più vecchio di lei che di anni ne aveva diciannove, lavorava come aiutante dell’anziano amministratore del barone Buntbury, uno dei vicini di Mr Davies. Emily lo aveva incontrato durante una delle sue passeggiate verso i confini del bosco che circondava Sethgrave Park. Lui stava tornando alla villa e si era fermato per chiederle se avesse bisogno di qualcosa; così avevano iniziato a parlare e quando era stato il momento di separarsi avevano deciso di rivedersi. Nelle settimane successive questo era avvenuto spesso, perché la solitudine che circondava Emily le consentiva una discreta libertà di movimento: nessuno infatti si occupava di come impiegava il suo tempo.

Emily

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...